+39 010 872010 Lun - Ven 09:30-13:00 / 15:00-19:00; Sab 9:30-12.30 Piazzale Parenzo 1, Genova
Rispetto per l'ambiente
Per vivere meglio
Qualità dei materiali
per un prodotto che dura nel tempo
Incentivi fiscali
per un risparmio garantito

Detrazione Fiscale Infissi

Detrazione fiscale infissi, se per risparmio energetico il rimborso è del 65%

sostituzione-infissi-detrazione

 

La legge di stabilità 2016 del Governo Renzi prevede la possibilità di richiedere il rimborso delle spese sostenute in interventi volti al miglioramento dei consumi energetici, fino al 65% del costo sborsato. Il bonus del 65% per riqualificazione energetica applicabile ai serramenti segue delle limitazioni precise. Innanzitutto la detrazione fiscale per gli infissi è rivolta a tutti coloro che sostituiscono i serramenti in edifici esistenti e dotati di riscaldamento e in secondo luogo i serramenti su cui applicare la detrazione devono delimitare il perimetro del volume “riscaldato”, Non sono dunque ammessi alla detrazione serramenti di cantinati, autorimesse o locali dove non è presente il riscaldamento.

Approfondisci il tema degli sgravi fiscali qui 

Certificazione dei serramenti per bonus sul risparmio energetico

I nuovi serramenti devono avere anche altri requisiti fondamentali, come quello di essere certificati ed avere precisi valori di trasmittanza, cioè devono essere sufficientemente isolanti. I valori di trasmittanza a cui bisogna fare riferimento sono stati definiti dal Decreto del Ministro dello Sviluppo economico e puoi visionarli qui . Con questa modalità di detrazione fiscale per gli infissi, è possibile inserire anche le spese per gli aggiustamenti di serramenti esistenti che hanno come effetto evitare la dispersione del calore, o per il loro miglioramento, come l’applicazione di scure o persiane oppure aggiustamenti ai cassonetti delle tapparelle.

Il limite massimo per la detrazione fiscale sul risparmio energetico in caso di sostituzione di serramenti è 60.000 euro.

Bonus sugli infissi per ristrutturazioni edilizie

 

Se invece la vostra situazione non rientra tra quella poc’anzi esposta, è possibile richiedere un bonus sul rifacimento degli infissi che rientri nella “Ristrutturazione Edilizia”
In questo caso non è necessario che gli infissi nuovi vengano montati in un edificio dove sia presente il riscaldamento ma è obbligatorio che si tratti di un edificio residenziale e di uso privato.
Per quel che riguarda le finestre è possibile effettuare interventi di apertura di nuovi punti luce, oppure l’ampliamento delle finestre esistenti. Possono inoltre essere sostituite le finestre già presenti, compresi gli infissi, a patto che siano realizzati con altri manufatti di colore, forma e materiale diverso.
Dunque la detrazione fiscale per le ristrutturazioni edilizie comprende anche le opere finalizzate al risparmio energetico che per qualche motivo non riescono a rientrare nell’ecobonus (65%).

Per inoltrare la vostra richiesta di detrazione fiscale sugli infissi è sufficiente consegnare al commercialista o al caf i dati catastali dell’immobile, le fatture e le ricevute degli appositi bonifici in occasione dell’annuale dichiarazione dei redditi.