+39 010 872010 Lun - Ven 09:30-13:00 / 15:00-19:00; Sab 9:30-12.30 / Pomeriggio su appuntamentoPiazzale Parenzo 1, Genova
Rispetto per l'ambiente
Per vivere meglio
Qualità dei materiali
per un prodotto che dura nel tempo
Incentivi fiscali
per un risparmio garantito

Come Scegliere Una Porta Blindata Ep. 3 – La normativa

CHE MATERIALI VENGONO UTILIZZATI NELLE PORTE BLINDATE ?

I telai e controtelai che garantiscono una migliore sicurezza sono quelli in acciaio. Per i rivestimenti si trovano facilmente porte blindate in legno massello a volte con inserti in vetro blindato anti-sfondamento e anti-proiettile o materiali che meglio resistono alle intemperie come alluminio, acciaio, pvc, Mdf idrorepellente. Vengono inoltre utilizzati anche materiali ignifughi nel rivestimento e nella struttura.

RIFERIMENTI NORMATIVI EUROPEI ANTI-EFFRAZIONE

La sicurezza delle porte blindate, ovvero la loro resistenza ai tentativi di effrazione da parte dei ladri, si misura mediante una scala di valori disciplinati da ben quattro normative europee le cui ultime revisioni sono in vigore dal 4 Febbraio 2016:

  • UNI EN 1627:2016 si occupa della classificazione e dei requisiti richiesti;

  • UNI EN 1628:2016 definisce la metodologia di prova per la resistenza sotto carico statico;

  • UNI EN 1629:2016 contiene i metodi di prova per la resistenza sotto carico dinamico;

  • UNI EN 1630:2016 concerne le metodologie di prova per la resistenza all’attacco manuale.

I prodotti che si vogliono classificare anti-effrazione devono essere testati e superare delle specifiche prove di tipo:

  • di natura convenzionale (verificano che il serramento sia in grado di sopportare una serie di carichi statici e dinamici)

  • di natura reale (simulano tentativi reali di effrazione e verificano la resistenza in base al tempo occorso a superare la difesa).

Il campione viene sottoposto a 3 tipologie di prove di resistenza:

  • sotto carico statico

  • sotto carico dinamico

  • ad attacco manuale

COSA SONO LE CLASSI DI RESISTENZA?

Le classi di resistenza indicano il tempo di resistenza del campione e gli strumenti utilizzati per l’effrazione:

  • CLASSE DI RESISTENZA 1 Il campione viene esposto a sollecitazioni tramite carichi statici e dinamici simulando calci, spallate ed attacchi senza impiego d’utensili da parte di un ladro occasionale.

  • CLASSE DI RESISTENZA 2 Il prodotto, oltre a subire le sollecitazioni previste per la classe di resistenza 1, viene sottoposto a prove di scasso simulando l’azione di un ladro esperto con i seguenti attrezzi:

    • Cacciavite lungo 40 cm
    • Cacciavite addizionale
    • Cunei
    • Pinza
    • Chiave inglese
  • CLASSE DI RESISTENZA 3 Il serramento viene sottoposto all’attacco degli utensili previsti dalla classe di resistenza 2, con in aggiunta un cacciavite ed un piede di porco.

  • CLASSE DI RESISTENZA 4 Il campione in esame è soggetto all’aggressione dello scassinatore che adopera, in questo caso, seghe, martelli, accette, scalpelli e trapani portatili a batteria.

  • CLASSE DI RESISTENZA 5 Il prodotto è sottoposto all’attacco mediante attrezzi elettrici (trapani, seghe a sciabola, mole ad angolo con un disco massimo di 125 mm di diametro).

  • CLASSE DI RESISTENZA 6 La porta blindata, in aggiunta alle caratteristiche delle 5 classi di resistenza precedenti, aggiunge la resistenza all’esplosivo.

 

Leggi anche:

Come Scegliere Una Porta Blindata Ep. 1 – Sicurezza in Casa

Come Scegliere Una Porta Blindata Ep. 2 – Risparmio Energetico

Come Scegliere Una Porta Blindata Ep. 4 – La Classe Di Resistenza